SULLE ORME DEL MAESTRO LORENZO FERRI

SULLE ORME DEL MAESTRO LORENZO FERRI

Il Maestro Lorenzo Ferri viaggiò molto, ma il piccolo paese di Cave divenne per lui un posto speciale.

Il borgo, con le sue tradizioni, come la storica processione del Venerdì Santo, a cui partecipò attivamente insieme a suo figlio Leonardo, lo colpirono a tal punto che i suoi figli decisero di donarvi le sue opere dopo la morte.

Per i suoi studi sulla Sacra Sindone, frequentò gli ambienti ecclesiastici romani dove strinse amicizia con Monsignor Lorenzo Castellani, parroco di Cave, il quale portò l’artista nella cittadina cavense. La prima opera per la città è una tela della Veronica raffigurante il volto di Cristo coronato di spine, realizzata per il “Comitato Pro-Venerdì Santo” di cui Monsignor Castellani era direttore spirituale, oggi conservata presso la chiesa di Santa Maria Assunta. In seguito, realizza altre due opere, espressiva testimonianza del suo rapporto affettivo con Cave: la porta bronzea della Chiesa di Santa Maria Assunta, presentata nel 1970 a Paolo VI e inaugurata nel 1972, che illustra la vita della Vergine e nella quale sono raffigurati lo stesso Ferri e Monsignor Castellani ed il Crocifisso Sindonico, iniziato nel 1964 e fuso in bronzo postumo, esposto presso la frazione di San Bartolomeo.

Tra le varie attività del Museo Lorenzo Ferri, è possibile effettuare una visita guidata ripercorrendo i luoghi della città di Cave amati dal Maestro che ospitano le sue opere.

Per informazioni contattare il numero: 06 9507310

Comments are closed here.

Configurazione cookies - Le informazioni riguardanti i Cookies che usiamo sono riportate nella Cookies policy. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close